CONTRO AUMENTI COSTO ENERGIA, LAVORIAMO A PIANO PER DIFENDERE FAMIGLIE E IMPRESE

Presentazione pdf: "DAL CARO BOLLETTE ALLA POLITICA ENERGETICA NAZIONALE"

 

L’impennata dei costi dell’energia ha assunto dimensioni drammatiche.

Molte aziende di diversi settori - siderurgia, carta, vetro, chimica e cemento ma anche per esempio l’agricoltura - potrebbero essere costrette a fermare le produzioni: ciò avrebbe gravi conseguenze sul nostro sistema economico, mette a rischio migliaia di posti di lavoro.

L’Italia paga gli errori del passato, le conseguenze di un ambientalismo ideologico del “no a tutto” e si ritrova oggi estremamente dipendente dalle forniture di gas.

Per questa ragione, per le note questioni geopolitiche, i prezzi resteranno alti per un periodo non breve.
Il governo italiano è prontamente intervenuto per mettere al riparo le famiglie meno abbienti destinando 10 miliardi per calmierare i prezzi abbassando tasse e accise, ma è necessario fare di più e sostenere tutte le famiglie e anche - e soprattutto - le aziende.

Forza Italia ha presentato un ordine del giorno alla Camera dei deputati e sta lavorando ad un Piano che sarà presentato al governo.

Proponiamo interventi immediati finalizzati a superare questa emergenza e chiediamo di affrontare subito in maniera strutturale il problema con investimenti su un nuovo e diverso mix energetico:

• Bisogna aumentare da subito la produzione nazionale di gas autorizzando maggiori estrazioni;

• sbloccare la produzione delle energie rinnovabili eliminando burocrazia e sottraendo gli impianti a possibili veti;

• utilizzare gli stoccaggi di gas a prezzi calmierati;

• negoziare con i grandi gruppi;

• sollecitare iniziative congiunte a livello europeo.

Sarebbe utile autorizzare l’Acquirente Unico a sottoscrivere contratti a lungo termine, al fine di coprire i clienti in maggior tutela dai rialzi improvvisi della materia prima.

E’ necessario avviare allo stesso tempo una strategia di lungo periodo che preveda:

• la realizzazione di nuove infrastrutture energetiche strategiche e nuovi gassificatori, liberi dalla possibilità di mettere veti e dalla sindrome “Nimby”;

• lo sviluppo della ricerca per un uso più diffuso dell’idrogeno e del nucleare di ultima generazione, che è sicuro e pulito.

 Nota al termine della riunione convocata dal coordinatore nazionale Antonio Tajani, alla quale hanno partecipato ministri, sottosegretari, capigruppo e dirigenti nazionali azzurri.

Altre notizie