Appello al governo: cambiate strada, prima che gli italiani paghino un carissimo prezzo al dilettantismo e alla cecitÓ ideologica.

Il Comitato di Presidenza di Forza Italia, riunito a Roma a Palazzo Grazioli l’11 ottobre 2018, ha approvato all’unanimità la seguente nota, concordata con il Presidente Berlusconi:

“La situazione dell’Italia è molto preoccupante. Il Governo ha annunciato una manovra economica prevalentemente concepita a fini elettorali, che mette in pericolo il risparmio degli italiani, la tenuta dei conti pubblici ed è assolutamente inidonea a far ripartire lo sviluppo e a creare occupazione.

Il cosiddetto “reddito di cittadinanza” è semplicemente un sussidio a chi non lavora, posto a carico di chi lavora: non crea occupazione, finanzia la disoccupazione.

Il programma con il quale il centro-destra unito aveva ottenuto la maggioranza relativa alle elezioni di marzo viene completamente disatteso.

La flat-tax, che di quel programma era la chiave di volta, non compare affatto. Quella che viene impropriamente definita flat-tax nelle dichiarazioni degli esponenti della maggioranza in realtà è una semplice forfettizzazione per poche categorie: la vera flat-tax, come applicata in molti paesi del mondo nei quali ha determinato eccellenti risultati in termini di crescita, è costituita da un’aliquota unica, la più bassa possibile, uguale per tutti, persone e imprese, senza eccezione alcuna.

Più in generale non c’è traccia di sgravi fiscali ma solo di nuove spese assistenziali a debito.

La manovra è chiaramente ispirata da ideologie pauperiste di sinistra, che sono già fallite nel 20° secolo: è un grave danno per gli italiani, allontana gli investimenti dal nostro Paese ed è già stata giudicata in modo negativo da tutte le autorità indipendenti che vigilano sui conti pubblici.

Le voci sulla patrimoniale e sui prelievi forzosi dai conti correnti, evocate oggi da membri del governo, sia pure per smentirle, ci preoccupano ancora di più: si tratta di una “excusatio non petita” che rivela ciò di cui davvero si discute fra i tecnici del tesoro e le forze politiche della maggioranza.

Il Comitato di Presidenza ringrazia i gruppi parlamentari di Forza Italia alla Camera e al Senato, impegnati in una serrata e qualificata battaglia di opposizione, per tentare di cambiare radicalmente in Parlamento un provvedimento pericoloso per il Paese.

Forza Italia rivolge un estremo appello alla maggioranza di governo, e in particolare a chi si richiama come noi al centro-destra, a cambiare strada, prima che gli italiani paghino un carissimo prezzo al dilettantismo e alla cecità ideologica presenti nell’Esecutivo”.

Il Comitato di Presidenza ha poi provveduto a dare il via alla stagione congressuale, approvando i termini per le adesioni, le linee guida e i regolamenti che sono stati illustrati dal Vice Presidente di Forza Italia Antonio Tajani.

I congressi per l’elezione diretta dei responsabili comunali e provinciali di Forza Italia si svolgeranno in tutte le province italiane nei primi mesi del 2019, nella forma più aperta alla partecipazione della società civile e in particolare delle liste civiche di centro-destra presenti in tante realtà amministrative.

La stagione congressuale sarà funzionale ad un profondo rinnovamento di Forza Italia e alla migliore organizzazione della campagna elettorale per le elezioni europee e amministrative del prossimo anno.

Altre notizie